I prodotti per il cambio del pannolino

Creme, detergenti, talco, amido…: i prodotti da utilizzare durante il cambio pannolino sono tanti e variegati. In realtà non tutti sono necessari, e la regola da seguire è essenzialmente quella del “più naturale possibile”, che significa anche “più delicato possibile”. La pelle dei neonati, infatti, è molto, molto delicata, non ha ancora sviluppato difese immunitarie e necessita quindi di prodotti che sì la proteggano, ma che, allo stesso tempo, non provochino irritazione.

Qui trovate una selezione di prodotti necessari al cambio pannolino, per scegliere la routine migliore in base alle esigenze della pelle del proprio bambino.

I prodotti per il cambio pannolino: quali prodotti sono necessari per un cambio pannolino perfetto

Il detergente per il sederino

In generale, il primo passaggio è il bagnetto, o la detersione post-cambio. In questo caso è necessario acquistare prodotti specifici proprio per le zone genitali dei bambini, che come accennato sono molto delicate e hanno un loro specifico pH da non alterare. In generale, tuttavia, dovrebbe valere la regola per cui se è solo pipì basta l’acqua, mentre se è pupù basta una passata veloce con acqua e detergente. Asciughiamo poi molto bene la zona, soprattutto tra le pieghe, e procediamo a mettere il pannolino nuovo.

Le marche migliori di detergenti sono sicuramente quelle che utilizzano ingredienti il più naturali e il più delicati possibile, come Fiocchi di Riso e Aveeno.

Il talco

Una volta mamme e nonne cospargevano il sedere dei bambini con il talco in polvere, per asciugare la zona e mantenerla asciutta. L’idea di base è buona, se non che il talco “tradizionale” è pieno di ingredienti minerali, e soprattutto è in polvere, che è molto pericolosa per i bambini. Si consiglia, dunque, di utilizzare un talco in crema come il Talco non Talco di Fiocchi di Riso: ha la stessa funzione del talco in polvere ma è molto più naturale e soprattutto non presenta i rischi della polvere, lasciando la zona intima dei bambini molto pulita. E lo si può utilizzare su tutto il corpo in estate, sia per tenere la pelle fresca e asciutta, sia per allontanare gli insetti.

La crema protettiva

In realtà, la crema protettiva (spesso con ossido di zinco, che protegge e ripara la zona intima facendola guarire prima) non è necessaria sempre, ma solo quando è in corso un’irritazione da pannolino. Prendiamola, quindi, ma non utilizziamola sempre: il rischio è quello di creare un’irritazione quando non c’è, a causa dell’umidità. Molto buona è quella alla calendula di Weleda Baby.

L’amido di riso

L’amido di riso è pensato per svolgere la stessa funzione del talco, assorbendo l’umidità e lasciando la pelle asciutta e fresca. Ha un potere assorbente molto forte, ma è naturale e quindi non ostruisce i pori della pelle. Inoltre rispetto al talco è antinfiammatorio e lenitivo ed è quindi ottimo in caso di irritazioni e infiammazioni, anche sciolto nell’acqua del bagnetto. Quando lo acquistiamo, scegliamolo biologico e puro.

L’olio di mandorle dolci

È la “crema dei neonati”, ovvero il prodotto idratante perfetto per loro pelle, per massaggiarli e per assicurare la morbidezza della cute.

Gli ingredienti da preferire

In generale, quando scegliamo un prodotto per il cambio del pannolino dei neonati e per la loro igiene intima cerchiamo di puntare su ingredienti naturali e poco aggressivi. Sì ai prodotti con calendula, camomilla e aloe, ma anche a quelli a base di oli vegetali (come quello di mandorle dolci, di canapa o di cotone).

Ogni mese ti invieremo il menu del mese, corsi e attività in gravidanza, idee di benessere e codici sconto!