Quali cosmetici usare in gravidanza

Rinunciare al make up e alla cura di sé in gravidanza è assurdo, soprattutto perché stare bene con se stesse è uno dei primi passi di una gestazione armoniosa e tranquilla (e come sappiamo trasmettere tranquillità al proprio bambino è fondamentale). Chiaramente, in un periodo così delicato per il proprio organismo e per il bambino che cresce dentro la pancia, è bene scegliere prodotti che non rappresentino alcun rischio né per la mamma né per il feto, ma che rendano comunque belli l’aspetto e la pelle, che subiscono durante la gravidanza parecchie modificazioni.

Basta scegliere gli ingredienti giusti e sicuri per poter continuare a truccarsi e prendersi cura di sé a livello estetico e cosmetico durante i nove mesi di gravidanza, in totale sicurezza per la mamma e per il bebè.

Quali cosmetici usare in gravidanza: gli ingredienti da preferire e quelli da evitare quando scegliamo make up e creme durante la gestazione

Gli ingredienti da evitare in gravidanza

Come i cibi, anche i cosmetici e le creme hanno una lista di ingredienti, e basta fare attenzione all’INCI (l’elenco degli ingredienti, appunto) per scegliere i cosmetici perfetti durante la gravidanza. Tra questi non dovrebbero esserci il piombo e i parabeni (presenti in molti shampoo e balsami), il nichel e i metalli pesanti, il retinolo (spesso presente nelle creme anti-age, ma pericoloso per il feto), l’acido salicilico (che compone solitamente le creme e i trattamenti contro la pelle impura e grassa) e il perossido di benzoile (anche questo per curare acne e pelle grassa).

Anche l’idrochinone (contenuto nelle creme contro le macchie della pelle) è un ingrediente “no”, così come le creme con filtri chimici (meglio i filtri fisici).

Le creme

Evitando gli ingredienti sopra citati, in gravidanza è possibile continuare ad utilizzare le proprie creme e i prodotti che si utilizzavano in precedenza. Meglio, tuttavia, puntare su creme e trattamenti biologici e naturali, come quelli che possiamo trovare in negozi come Ecco-Verde o Minima Shop.

Come truccarsi in gravidanza

Anche in questo caso possiamo continuare a truccarci con il make up usato in precedenza, se non contenente parabeni o altri ingredienti pericolosi. Di nuovo, però, è bene puntare su marchi che propongano prodotti il più leggeri e naturali possibili come Avéne o Bionike, ma anche le linee naturali di Deborah (la linea “Pura”) o di altre aziende “mainstream” ma decisamente sicure perché rispettano le linee guida e le norme europee.

Lo smalto

Anche lo smalto non è da sottovalutare ed è bene, in gravidanza, sceglierlo sicuro e certificato (ovvero con il marchio CE) e se possibile naturale, come gli smalti di Benecos, Chanel, Manucurist o Orly. Applicandolo, poi, si consiglia di fare attenzione alle cuticole, su cui non bisogna spalmarlo.

Entrando nello specifico, gli ingredienti che compongono gli smalti e che sono da evitare sono formaldeide, toluene canfora e dbp, ma oggigiorno quasi la totalità degli smalti è “3Free” o “4Free” o “5Free” (ovvero sono innocui). Basta non inalarli.

Iscriviti alla newsletter! Ogni mese ti invieremo il menu del mese, corsi e attività in gravidanza, idee di benessere e codici sconto!