La ventisettesima settimana di gravidanza

Siamo arrivati all’ultima settimana del secondo trimestre della gravidanza, quella che porterà la mamma e il bambino a varcare la soglia degli ultimi tre mesi di gravidanza, 

Ecco tutto quello che succede durante l’ultima settimana del secondo trimestre di gestazione nel corpo della mamma e a quello del feto.

La ventisettesima settimana di gravidanza: cosa accade a mamma e bambino durante l’ultima settimana del secondo trimestre di gestazione

Cosa accade al bambino

Grande quanto un bel cespo di lattuga, il bambino alla fine del secondo trimestre della gravidanza raggiunge il primo chilo di peso. Ma non prende solo chilogrammi: in questi giorni si continuano infatti a sviluppare i genitali. Nel caso dei maschi, i testicoli iniziano a scendere verso lo scroto; per quanto riguarda invece le femmine, è il periodo in cui si sviluppano i follicoli delle ovarie.

Il cervello, nel frattempo, continua a formarsi insieme al sistema nervoso, formando al suo interno i solchi che divideranno la corteccia cerebrale in lobi.

Sono anche i giorni in cui sotto la pelle si sviluppa l’adipe (il pannicolo adiposo sottocutaneo), in modo da stare al caldo e così da avere una temperatura corporea sempre costante.

Il corpo della mamma

Continuano, in questo periodo, a fare capolino delle piccole contrazioni. Si tratta però tendenzialmente (se non sono troppo dolorose e troppo frequenti!) delle contrazioni di Braxton Hicks oppure, semplicemente, dei movimenti del bambino che provocano spasmi all’utero (soprattutto di notte, dal momento che il bebè sembra essere molto più sveglio in queste ore!).

Per quanto riguarda il benessere, oltre al fiato corto causato dalla gabbia toracica “schiacciata” dall’utero, c’è la ritenzione idrica che potrebbe portare a qualche disagio, come le gambe e i piedi gonfi o i formicolii alle dita. 

Un fun fact: sentirsi smemorate, perdere tutto e non ricordarsi cosa si è mangiato cinque minuti prima non è immaginario. L’amnesia gravidica è una condizione vera: la stanchezza e gli ormoni provocano questa sbadataggine.

Gli esami da eseguire

Oltre all’ecografia del secondo trimestre, nella ventisettesima settimana di gravidanza possiamo eseguire il test delle urine e del glucosio, così come quelli del sangue, per tenere sotto controllo glicemia e pressione sanguigna.

Se non si è ancora pensato al corso preparto, poi, è il momento di cominciare, iniziando anche a prevedere la possibilità o meno di epidurale (parlandone con il proprio ginecologo).

Iscriviti alla newsletter! Ogni mese ti invieremo il menu del mese, corsi e attività in gravidanza, idee di benessere e codici sconto!