La gravidanza extrauterina

Perché una gravidanza sia fisiologica, ovvero “sana” e normale, c’è bisogno che l’ovulo, fecondato nelle tube di Falloppio, scenda nell’utero, annidandosi proprio lì. Quando questo non avviene il pericolo è quello di una gravidanza extrauterina, che come dice il nome implica una gravidanza fuori dall’utero, con pericoli anche gravi e conseguenze importanti.

Ecco dunque come riconoscere una gravidanza extrauterina dai primi segnali e tutto ciò che c’è da sapere.

La gravidanza extrauterina: i segnali di una gravidanza fuori dall’utero, i pericoli e le conseguenze

La gravidanza extrauterina

La gravidanza extruterina è una gravidanza ectopica che purtroppo rappresenta il 2-3% del totale delle gravidanze e avviene quando l’ovulo fecondato non si annida nella sede esatta, ovvero l’utero, come dovrebbe, ma nelle tube di Falloppio (e qui si parla di gravidanza tubarica), nelle ovaie o nell’addome (questi ultimi due casi sono più rari). 

Non vi è una causa specifica e anche la spiegazione di tale evento è difficile (a volte delle infezioni alle tube, delle precedenti operazioni, la spirale o altri metodi contraccettivi uterini o l’endometriosi, ad esempio, possono esserne il motivo). E non vi sono nemmeno sintomi specifici, se non alcuni lievi, e sono molto simili a quelli di una gravidanza fisiologica. Per questo è bene fare attenzione ai segnali che manda l’organismo nei primi periodi della gravidanza.

Solitamente queste gravidanza si risolvono spontaneamente con un aborto spontaneo nelle prime settimane; in caso contrario, il medico dovrà decidere di intervenire.

I sintomi

Trovandosi nel caso di una gravidanza extrauterina, oltre all’amenorrea (ovvero la mancanza di mestruazioni), al dolore al seno e ai dolorini al basso ventre (sintomi, questi, anche di una gravidanza normale), a circa tre settimane dal concepimento (ovvero alla quinta settimana di gravidanza) la donna potrebbe percepire alcuni sintomi in maniera aumentata, come i dolori alla pancia (ma anche alla spalla) e alcune perdite, che non sono uguali alle mestruazioni ma sono più acquose e scure.

Addirittura, la donna potrebbe svenire, provare un mal di ventre fortissimo e sentirsi estremamente debole. Sono tutti segnali di una gravidanza extrauterina e per questo motivo è bene recarsi immediatamente al pronto soccorso ginecologico e ostetrico.

Altro segnale (ma più medico) di gravidanza extrauterina è l’aumento dell’ormone beta HCG. Questo, in una gravidanza normale, aumenta molto rapidamente, mentre la sua crescita è più lenta nel caso di una gravidanza extrauterina. Il problema è che per capirlo da questo dato sarebbero necessari due esami del sangue a distanza di qualche giorno, e solitamente non vengono prescritti (se ne esegue solo uno per confermare la gravidanza).

Ciò che confermerà la gravidanza extrauterina saranno un’ecografia transvaginale, l’analisi dei livelli delle beta HCG e un intervento in laparoscopia.

I rischi

Se la gravidanza extrauterina viene diagnosticata per tempo o se si risolve spontaneamente, non dovrebbe avere conseguenze. Tuttavia, potrebbe anche danneggiare la tuba in cui l’embrione si è annidato, soprattutto se c’è bisogno di intervenire chirurgicamente. 

Iscriviti alla newsletter! Ogni mese ti invieremo il menu del mese, corsi e attività in gravidanza, idee di benessere e codici sconto!